Come i nostri occhi si adattano alle diverse condizioni di luce

I nostri occhi sono incredibilmente versatili nel rilevare i vari livelli di luce. E sebbene nessuno è in grado di vedere al buio completo, è sorprendente quanto poca luce sia necessaria ai nostri occhi per trovare la loro messa a fuoco.

L’adattamento naturale dell’occhio alle varie condizioni di luce è noto come adattamento, e viene effettuato da tre strutture chiave dell’occhio: l’iride, la retina e la pupilla.

Dal sole del pomeriggio al buio quasi totale, scopri come i tuoi occhi si adattano alle situazioni di luce che incontriamo ogni giorno.

Come funziona l’adattamento degli occhi

Se hai mai usato una tradizionale macchina fotografica point-and-shoot, potresti avere familiarità con il termine – apertura. L’apertura regolabile dell’obiettivo permette alla luce di passarci attraverso in modo che la macchina fotografica possa mettere a fuoco un’immagine. L’occhio umano funziona in modo molto simile.

Sebbene la struttura dell’iride sia nota per conferire il colore o il pigmento agli occhi, è anche composta da muscoli in miniatura che lavorano in tandem con le pupille. Come guardiani, queste due regolano la giusta quantità di luce che entra nell’occhio. La pupilla si comporta allo stesso modo dell’apertura regolabile della macchina fotografica precedentemente menzionata.

In condizioni di scarsa illuminazione, i muscoli si rilassano, permettendo alla pupilla di dilatarsi e di far entrare più luce. In ambienti luminosi, i muscoli si contraggono causando la costrizione della pupilla, riducendo al minimo la quantità di luce necessaria per mettere a fuoco.

Una volta che la luce entra nell’occhio attraverso la pupilla circolare, viene filtrata attraverso la retina sulle cellule sensibili alla luce che rivestono la parte posteriore dell’occhio, chiamate fotorecettori. Questi sono divisi in due gruppi secondo la loro forma e funzione:

Bastoncelli: responsabili della visione notturna, hanno una bassa risoluzione ma sono più abbondanti.

Coni: contribuiscono alla visione diurna, sono responsabili della visione a colori e sono meno numerosi.

Come i tuoi occhi si adattano al buio

La combinazione delle funzioni di questi due recettori cellulari permette ai nostri occhi di adattarsi alle varie condizioni di luce: la retina alterna il carico di lavoro tra bastoncelli e coni in base alla quantità di luce che le pupille lasciano entrare.

Se ti sei chiesto come sia possibile vedere in una stanza buia con poca o nessuna luce, devi ringraziare i tuoi fotorecettori a bastoncello. Quando le luci si spengono, potresti notare che ci vuole un po’ di tempo per far sì che la tua vista si adatti. Questo perché i recettori a bastoncello sono “sbiaditi” dalla fonte di luce appena spenta, e ci vuole tempo perché rigenerino i loro pigmenti di rodopsina.

Questo processo, chiamato adattamento al buio, avviene più lentamente del processo opposto (adattamento alla luce) – perché i nostri recettori a bastoncello sono più sensibili e 5 volte più abbondanti delle loro controparti a cono. Durante questo periodo di ripristino della rodopsina (che a volte dura fino a un’ora), le nostre pupille si dilatano il più possibile per far entrare qualsiasi fonte di luce disponibile che possa migliorare la nostra visione al buio.

Come I tuoi occhi si adattano alla luce intensa

Dopo un film, siete mai passati dal cinema buio al sole splendente del pomeriggio? Se l’avete fatto, allora avete familiarità con il bagliore che spinge momentaneamente i vostri occhi a battere le palpebre mentre iniziano ad adattarsi alla luminosità.

Questo afflusso di luce invia una serie di stimoli alle nostre pupille e ai nostri fotorecettori per iniziare il processo di adattamento alla luce. Come l’adattamento al buio, questo adattamento automatico avviene nella parte posteriore della retina con i nostri recettori a bastoncello e a cono. Tuttavia, poiché i recettori a cono sono più agili dei bastoncelli e meno numerosi, il loro tempo di risposta ai cambiamenti istantanei di luce è più rapido. Le cellule del cono si rigenerano circa 5 volte più velocemente dei bastoncelli, il che permette alla vista di tornare alla normalità in meno tempo.

Cos’è la sensibilità alla luce? 

I cambiamenti istantanei di luce possono causare la sensibilità alla luce in alcune persone. Conosciuto anche come fotofobia, questo problema si verifica quando le luci forti causano disagio agli occhi. Per alcuni, ciò può provocare mal di testa, nausea e problemi di riadattamento alla visione normale dopo aver sperimentato una luce troppo abbagliante. 

Mentre la fotofobia può colpire persone di tutte le età, è più comune nelle persone che hanno occhi di colore più chiaro, nella fase di’invecchiamento degli occhi e a volte come effetto collaterale di alcuni farmaci. La sensibilità alla luce è un sintomo di un altro problema, non una condizione a sé stante. E può essere causata da alcune di queste condizioni. 

Cause di sensibilità alla luce (fotofobia): 

  • Emicranie 
  • Dolore facciale (dentale, meningite, malattia dei nervi) 
  • Occhi secchi
  • Occhi chiari 
  • Albinismo 
  • Pupilla dilatata 
  • Graffi alla cornea / distacco di retina
  • Infezioni/infiammazioni dell’occhio
  • Cataratta
  • Glaucoma 
  • Droghe (sia sostanze stupefacenti che su prescrizione) 
  • Indossare lenti a contatto non correttamente o troppo a lungo 
  • Fotocheratite (occhi bruciati dal sole) 

Cosa fare se dovessi riscontrare sensibilità alla luce

La sensibilità alla luce di solito si verifica in concomitanza con un altro problema. Il modo migliore per affrontarla è identificare la sua causa. Nella maggior parte dei casi, la sensibilità alla luce scompare una volta trattato l’effetto scatenante.

Per coloro che sono intrinsecamente sensibili alla luce intensa o che hanno occhi di tonalità più chiara, devono seguire le precauzioni di sicurezza regolarmente consigliate contro la luce del sole con cappelli e occhiali da sole protettivi contro i raggi UV.

Se notate che state riscontrando fotofobia dopo aver iniziato un nuovo regime farmacologico, consultate il vostro medico curante riguardo alle opzioni di farmaci alternativi.

In ogni caso, se la sensibilità alla luce ti disturba continuamente, è grave o dolorosa, o si verifica anche in condizioni di scarsa luminosità, contatta un medico per un consiglio.